DISINFESTAZIONI

Le nostre attività di disinfestazione a Cosenza e provincia ci vedono impegnati su diversi fronti. Nelle nostre realtà, spesso si verificano problemi di infestazioni di blatte e scarafaggi in ristoranti, problemi di piccioni e volatili sui tetti,  presenza di cimici dei letti negli hotel e minacce estive causate da vespecalabroni e zanzare.

I nostri tecnici nel valutare la gravità delle infestazioni di insetti e parassiti, tanto nei locali ad uso domestico tanto negli appartamenti e/o locali ad uso uffici ed esercizi commerciali, il principale aspetto che andranno a definire è la compromissione della salubrità degli ambienti colpiti dall’infestazione e le relative azioni necessarie alla disinfestazione.


Blatte e scarafaggi, formiche, parassiti e tutti gli insetti per cui si pensa ad un servizio di disinfestazione, oltre a rappresentare un vero e proprio incubo per la vivibilità degli ambienti, comportano un alto rischio a livello sanitario.

Insetti e parassiti, siano essi striscianti o volatili, possono rappresentare un serio rischio per la salute dell’uomo, essendo spesso portatori di malattie potenzialmente dannose per l’organismo

È riconosciuta da tempo la possibilità che gli infestanti siano vettori di microrganismi patogeni, soprattutto per quelle specie che abitualmente frequentano rifiuti, fognature o entrano in contatto con ambienti ad alta carica microbica.

Molti infestanti, tra i quali moscheroditorivolatiliblatteformiche possono essere potenziali e pericolosi veicoli di trasmissione di malattie e microrganismi patogeni, come Salmonella, Leptospirosi ed E. Coli.

Per evitare rischi di contaminazione e di assenteismo sul lavoro, a causa di malattie, le aziende sono tenute ad adottare misure preventive e correttive, non solo rispetto agli infestanti ma anche verso le cosiddette infestazioni secondarie e verso microrganismi dannosi.
Per venire incontro a queste esigenze Rentokil consiglia dei piani di disinfezione da effettuarsi tutto l’anno, e in particolare nei periodi critici per possibili contagi come Ottobre, Novembre, Dicembre e Gennaio. Bisogna comunque tenere presente che la carica microbica deve essere monitorata tutto l’anno.